fbpx

Campeggio Naturista INSIEME

CAMPEGGIO NATURISTA INSIEME

Statuti STAK

ISTITUZIONE DELLA FONDAZIONE UFFICIO AMMINISTRATIVO INSIEME
Oggi, ventuno marzo duemilaventicinque, è comparso davanti a me, il sig. Rob Willem Boudewijn Timmers, notaio a Lisse:
La signora Brenda Segaar, impiegata presso lo studio notarile Timmers in Heereweg 21 a Lisse, nata a Leiden il sette luglio millenovecentonovantotto
agendo in qualità di rappresentante autorizzato di:
Il signor REMI BODE, residente in 3621 RN Breukelen, comune di Stichtse Vecht, Narcis 1, nato a Breukelen il ventuno dicembre millenovecentonovantatre (21-12-1993), non sposato e non registrato come partner ai sensi del partenariato registrato;
La signora SANDRA BORKENT, residente in 7422 SJ Deventer, Teunisbloem 4, nata a Deventer il ventitré ottobre millenovecentonovanta (23-10-1990), non sposata e non registrata come partner ai sensi del partenariato registrato.
di seguito anche denominati "il fondatore".
L'esistenza del suddetto mandato a favore della persona intervenuta risulta da un atto privato, che sarà allegato a questo atto.
La persona intervenuta, agendo come sopra indicato, dichiara per la presente atto di costituire una fondazione e di stabilire i seguenti statuti:

Nome e sede
Articolo 1
1. La fondazione si chiama:
Fondazione Administratiekantoor INSIEME.
2. Ha la sua sede a Teylingen.

Scopo
Articolo 2
1. Lo scopo della fondazione è quello di ottenere e gestire, tramite l'assegnazione di certificati di amministrazione, la proprietà di immobili, in particolare il Campeggio Naturista Insieme in Italia.
2. La fondazione si impegna a realizzare il suo scopo mediante, tra le altre cose, le seguenti azioni:
a. l'acquisizione, il mantenimento, la detenzione, la gestione, l'affitto e l'ipoteca (di beni immobili) mediante l'emissione di certificati nominativi;
b. l'esercizio dei diritti patrimoniali connessi ai beni di cui al punto a., come i diritti di proprietà e i diritti di riunione e voto;
c. il versamento ai detentori dei certificati di quanto la fondazione riceve dall'exploitazione dei beni immobili appartenenti al suo patrimonio, tutto nell'ambito di questi statuti e delle condizioni amministrative;
d. nonché compiere tutte le altre azioni che possono essere in stretta relazione o favorevoli a quanto precede.
3. La fondazione non è autorizzata a esercitare alcuna attività commerciale che possa comportare rischi commerciali per la stessa fondazione.
4. La fondazione non è autorizzata a disporre di tutti gli attivi:
a. diversamente dalla decertificazione o da un atto giuridico corrispondente;
b. a impegnare o ad onerare in altro modo, se non con il consenso preventivo dell'assemblea dei detentori dei certificati.
5. Fatta eccezione per quanto previsto al comma 4, il consiglio di amministrazione è autorizzato a vendere (una parte) dei beni di cui al comma 2.a. di questo articolo, purché il ricavato della vendita venga pagato ai detentori dei certificati interessati entro un termine massimo di un mese dalla vendita, con contestuale revoca dei certificati.
6. Lo scopo della fondazione non è quello di realizzare profitti.
7. La fondazione è tenuta a osservare le condizioni amministrative pertinenti, fatta salva la prevalenza degli statuti della fondazione in caso di conflitto.

Consiglio di Amministrazione
Articolo 3
1. a. Il consiglio di amministrazione della fondazione è inizialmente composto da tre amministratori, di cui uno nominato dai fondatori, uno nominato dall'assemblea dei detentori di certificati e un amministratore indipendente nominato dai due amministratori precedenti. Il primo consiglio sarà nominato con il presente atto. La carica di tesoriere e segretario può essere ricoperta da un unico amministratore.
Il diritto di nomina dei fondatori è legato al loro ruolo di
(locatario finale) del bene immobile da acquisire dalla fondazione. Se i fondatori non ricoprono più questo ruolo, il diritto di nomina passa al locatario successivo. La cessazione dell'assunzione del ruolo di locatario e l'essere locatario successivo devono essere attestati da una deliberazione degli altri amministratori e dall'assemblea dei detentori di certificati.
b. Il numero degli amministratori è di almeno tre.
c. Gli amministratori sono nominati e sospesi da colui che ha nominato l'amministratore in questione ai sensi del punto 1.a. di questo articolo.
d. Durante un'indagine penale a carico di un amministratore, l'amministratore interessato è sospeso senza che ciò richieda una delibera.
2. Tutti gli amministratori sono nominati per un periodo massimo di quattro anni. La rielezione è illimitatamente possibile.
3. a. In caso di vacanza nel consiglio di amministrazione riguardante l'amministratore nominato dai detentori di certificati, il consiglio di amministrazione è tenuto a convocare tempestivamente un'assemblea dei detentori di certificati per provvedere a tale vacanza.
b. Il consiglio di amministrazione è tenuto a comunicare la nomina nel consiglio di amministrazione a tutti i detentori di certificati.
4. In caso di una o più vacanze nel consiglio di amministrazione, i membri rimanenti del consiglio di amministrazione o il membro rimanente formano un consiglio di amministrazione legalmente costituito, salvo nei casi in cui è richiesta una maggioranza per la decisione del consiglio di amministrazione.
5. Non può essere nominato un amministratore indipendente:
– un detentore di certificati emessi dalla fondazione o un amministratore o consigliere di una società in cui la fondazione detiene azioni;
– un parente di sangue o affine fino al secondo grado, o un coniuge di un amministratore attivo della fondazione;
6. In tutti i casi in cui non è possibile provvedere a una vacanza o se non viene provveduto a una vacanza entro tre mesi dalla sua insorgenza, il consigliere più sollecito, il detentore di certificati o l'altro interessato può chiedere al tribunale del distretto in cui è stabilita la fondazione di nominare un amministratore.
7. L'amministratore nominato dal tribunale ai sensi del paragrafo precedente decade automaticamente al momento in cui la vacanza è provveduta secondo quanto descritto in questo articolo.

Riunioni del Consiglio di Amministrazione
Articolo 4
1. Le riunioni del consiglio di amministrazione si tengono sul luogo nei Paesi Bassi come stabilito nella convocazione. Le riunioni del consiglio di amministrazione possono anche avere luogo all'estero se tutti i membri del consiglio di amministrazione sono d'accordo.
Le riunioni del consiglio di amministrazione possono anche essere svolte tramite telefono o videoconferenza o con qualsiasi altro mezzo di comunicazione, a condizione che tutti i membri del consiglio di amministrazione siano d'accordo.
2. Le riunioni si terranno ogni volta che uno dei membri del consiglio di amministrazione lo richiede per iscritto e specifica i punti da trattare.
3. La convocazione alla riunione avviene almeno sette giorni prima, escludendo il giorno della convocazione e quello della riunione, tramite lettere di convocazione.
4. Le lettere di convocazione indicano, oltre al luogo e all'ora della riunione, gli argomenti da trattare.
5. Finché in una riunione del consiglio di amministrazione sono presenti tutti i membri del consiglio in carica, possono essere prese decisioni valide su tutti gli argomenti all'ordine del giorno, anche se non sono state rispettate le disposizioni statutarie per la convocazione e la conduzione delle riunioni.
6. Le riunioni sono presiedute dal presidente; in sua assenza, i presenti provvedono da soli alla conduzione della riunione.
7. I detentori di certificati hanno il diritto di partecipare alle riunioni del consiglio di amministrazione, a meno che il consiglio di amministrazione decida all'unanimità diversamente.
8. Delle deliberazioni delle riunioni vengono redatte le minute dal segretario o da uno degli altri presenti, su richiesta del presidente della riunione. Le minute vengono redatte e firmate da coloro che hanno svolto le funzioni di presidente e segretario nella riunione.

Decisioni del Consiglio di Amministrazione
Articolo 5
1. Il consiglio di amministrazione può prendere decisioni valide durante le riunioni solo se la maggioranza dei membri del consiglio in carica è presente o rappresentata durante la riunione.
Un membro del consiglio di amministrazione può farsi rappresentare durante la riunione da un altro membro del consiglio di amministrazione, presentando un mandato scritto, giudicato sufficiente dal presidente della riunione. Un membro del consiglio di amministrazione può agire come rappresentante solo per un altro membro del consiglio di amministrazione.
2. Il consiglio di amministrazione può anche prendere decisioni al di fuori delle riunioni, a condizione che tutti i membri del consiglio di amministrazione abbiano avuto l'opportunità di esprimere il loro parere per iscritto o tramite qualsiasi mezzo di comunicazione. Su una decisione presa in questo modo, il segretario redige un resoconto che viene allegato alle memorie dopo essere stato firmato anche dal presidente.
3. Ogni membro del consiglio di amministrazione ha il diritto di esprimere un voto.
Fatto salvo quanto previsto dal presente statuto per una maggioranza più ampia, tutte le decisioni del consiglio di amministrazione sono prese a maggioranza assoluta dei voti validi espressi.
In caso di parità di voti, il voto del membro indipendente del consiglio di amministrazione è determinante.
4. Un membro del consiglio di amministrazione non partecipa alle discussioni e alle decisioni se ha o potrebbe avere un interesse personale diretto o indiretto contrario all'interesse della fondazione.
Se ciò impedisse di prendere una decisione del consiglio di amministrazione, il membro può comunque partecipare alle discussioni e alle decisioni.
Un membro del consiglio di amministrazione rimane autorizzato a rappresentare la fondazione se ha un interesse personale diretto o indiretto contrario all'interesse della fondazione.
5. Tutti i voti durante le riunioni avvengono verbalmente, a meno che un membro del consiglio di amministrazione non richieda un voto per iscritto prima del voto.
I voti per iscritto avvengono attraverso schede non firmate e sigillate.
6. I voti bianchi sono considerati non espressi.
7. In tutte le controversie riguardanti i voti, non previste negli statuti, decide il membro indipendente del consiglio di amministrazione.

Autorità del Consiglio di Amministrazione
Articolo 6
1. Il Consiglio di Amministrazione è responsabile della gestione della fondazione.
2. Le decisioni del Consiglio di Amministrazione che riguardano:
I. la modifica dello statuto;
II. l'acquisizione, la vendita e l'ipoteca di beni immobili;
III. la determinazione del modo in cui, nell'assemblea generale dei soci di una società in cui la fondazione ha un interesse diretto o indiretto, si vota su proposte riguardanti:
a. l'emissione di azioni (comprese la vendita di azioni acquisite dalla società);
b. il conferimento di diritti per l'acquisizione di azioni;
c. la facoltà di emissione di azioni;
d. la totale o parziale rinuncia al diritto di prelazione degli azionisti;
e. la comunicazione in merito alla rinuncia o alla non applicazione di una clausola di blocco delle azioni;
f. la modifica dello statuto della società;
g. lo scioglimento della società;
h. la cessazione di un'attività della società;
i. il trasferimento di un'attività della società;
j. la riduzione del capitale della società;
k. la fusione legale in cui è coinvolta la società;
devono essere prese con voto unanime in un'assemblea in cui tutti i membri del consiglio di amministrazione sono presenti o rappresentati, senza che nel consiglio ci sia alcuna vacanza.
3. Le decisioni del Consiglio di Amministrazione volte a concedere assistenza alla decertificazione di uno o più beni devono essere prese anch'esse con voto unanime in un'assemblea in cui tutti i membri del consiglio di amministrazione sono presenti o rappresentati, senza che nel consiglio ci sia alcuna vacanza.
4. Se in un'assemblea in cui si discute una decisione del consiglio di amministrazione come previsto dal paragrafo 2, non tutti i membri del consiglio di amministrazione sono presenti o rappresentati, sia a causa di una vacanza nel consiglio o per altri motivi, viene convocata una nuova assemblea, da tenersi entro un mese dalla prima, ma non prima di quindici giorni dopo, in cui, indipendentemente dal numero di membri del consiglio di amministrazione presenti o rappresentati, possono essere prese le decisioni di cui al paragrafo 2 con una maggioranza di almeno due terzi dei voti espressi.
Nella convocazione di questa nuova assemblea deve essere indicato che si tratta di una seconda assemblea come sopra indicato.
5. Il Consiglio di Amministrazione può stabilire regole sulla decisione e sul funzionamento del Consiglio di Amministrazione, in aggiunta a quanto previsto nello statuto.
6. Il Consiglio di Amministrazione può assegnare una remunerazione ai membri del consiglio di amministrazione o a uno o più di essi. Le spese vengono rimborsate.

Rappresentanza
Articolo 7
1. Il consiglio di amministrazione rappresenta la fondazione.
2. La rappresentanza spetta anche a due membri del consiglio di amministrazione che agiscono congiuntamente.
3. Il consiglio di amministrazione è, nel rispetto di quanto previsto dall'articolo 6, paragrafo 2, autorizzato a deliberare il compimento di contratti per l'acquisizione, la vendita e l'ipoteca di beni immobili.
4. Il consiglio di amministrazione è, nel rispetto di quanto previsto dall'articolo 6, paragrafo 2, autorizzato a deliberare il compimento di contratti mediante i quali la fondazione si obbliga come garante o coobbligato, si fida per conto di un terzo o si impegna a garantire un debito di un altro.
5. Le successioni possono essere accettate solo con riserva d'inventario.

Termine della carica di membro del consiglio di amministrazione
Articolo 8
La carica di membro del consiglio di amministrazione cessa:
a. per decesso;
b. quando perde la libera amministrazione del suo patrimonio;
c. per dimissioni scritte (recesso);
d. per scadenza periodica;
e. nel caso di persona giuridica se la persona giuridica viene sciolta o cessa di esistere per altri motivi;
f. per revoca da parte dell'ente che ha nominato il membro del consiglio di amministrazione interessato;
g. per dimissioni in base all'articolo 2:298 del Codice Civile.

Anno finanziario e rendiconti annuali
Articolo 9
1. L'anno finanziario della fondazione coincide con l'anno solare.
2. Il consiglio di amministrazione è tenuto a mantenere una contabilità sullo stato patrimoniale della fondazione e su tutto ciò che concerne le attività della fondazione, secondo le esigenze derivanti da tali attività, e a conservare i relativi libri, documenti e altri supporti informatici in modo tale da rendere noti in ogni momento i diritti e gli obblighi della fondazione.
3. Il consiglio di amministrazione è tenuto a conservare per sette anni il bilancio annuale cartaceo, nonché i libri, i documenti e gli altri supporti informatici di cui al presente articolo, fermo restando quanto previsto dal comma 4 dello stesso articolo.
4. I dati memorizzati su un supporto informatico, ad eccezione del bilancio annuale cartaceo, possono essere trasferiti e conservati su un altro supporto informatico, a condizione che il trasferimento avvenga con corretta e completa rappresentazione dei dati e che tali dati siano disponibili per l'intero periodo di conservazione e possano essere resi leggibili entro un tempo ragionevole.
5. Alla fine di ciascun anno finanziario, i libri della fondazione vengono chiusi. Da essi il tesoriere redige un bilancio e un conto economico per l'anno finanziario appena concluso.
6. Tali rendiconti annuali devono essere sottoposti dal tesoriere entro giugno dell'anno finanziario successivo all'approvazione in una riunione del consiglio di amministrazione, in cui siano presenti almeno tre quarti dei membri del consiglio in carica.
7. L'approvazione di tali rendiconti annuali solleva il tesoriere dalla sua gestione durante l'anno finanziario precedente, ma solo per le azioni evidenziate nei rendiconti annuali.

Assemblea dei Titolari di Certificati
Articolo 10
1. Le assemblee dei titolari di certificati si tengono quando, ai sensi dello statuto o delle condizioni amministrative, deve essere presa una decisione dall'assemblea dei titolari di certificati e inoltre ogni qualvolta il consiglio di amministrazione o uno dei suoi membri lo ritenga opportuno.
Inoltre, su richiesta scritta e indicando gli argomenti da trattare, da parte di uno o più titolari di certificati che rappresentino almeno due decimi del valore nominale totale dei certificati emessi, il consiglio di amministrazione è tenuto a convocare un'assemblea dei titolari di certificati.
In caso di mancata risposta a tale richiesta entro quattordici giorni, gli stessi richiedenti sono autorizzati a procedere con la convocazione.
2. La convocazione di un'assemblea dei titolari di certificati avviene per iscritto indicando gli argomenti da trattare, con un preavviso di almeno sette giorni, escludendo il giorno della convocazione e quello dell'assemblea.
Se la convocazione non avviene per iscritto, o se vengono trattati argomenti non menzionati nella convocazione, o se la convocazione avviene con un preavviso inferiore a sette giorni, la decisione è comunque possibile a condizione che tutti i titolari di certificati presenti o rappresentati nell'assemblea, nessuno dei quali si oppone alla decisione, e che l'assemblea si tenga con la conoscenza del consiglio di amministrazione.
3. Le assemblee dei titolari di certificati si tengono nel comune in cui la fondazione ha il suo domicilio legale.
Le assemblee possono anche avere luogo all'estero se tutti i titolari di certificati sono d'accordo.
Le assemblee dei titolari di certificati possono anche tenersi mediante teleconferenza o videoconferenza o con qualsiasi altro mezzo di comunicazione, purché ciascun titolare di certificato partecipante possa essere udito contemporaneamente da tutti gli altri.
4. Hanno accesso all'assemblea i titolari di certificati, i membri del consiglio di amministrazione e coloro che sono stati invitati dal consiglio di amministrazione.
Un titolare di certificato può farsi rappresentare in assemblea da un altro titolare di certificato delegato per iscritto.
Un titolare di certificato può rappresentare al massimo un altro titolare di certificato in assemblea.
Inoltre, un titolare di certificato può farsi rappresentare in assemblea da un notaio, avvocato, revisore legale o consulente contabile delegato per iscritto.
5. Ogni certificato dà diritto a un voto.
6. Tutte le decisioni per le quali lo statuto o le condizioni amministrative non prevedono diversamente sono prese con la maggioranza semplice dei voti espressi, indipendentemente dal numero di certificati rappresentati nell'assemblea.
I voti bianchi sono considerati non espressi.
In caso di parità di voti, decide il sorteggio.
7. Tutti i voti si svolgono verbalmente, a meno che un titolare di certificato presente all'assemblea non richieda un voto per iscritto, nel qual caso si vota per mezzo di schede non firmate.
8. Le assemblee sono presiedute da una persona designata o non designata dal consiglio di amministrazione.
Se ciò non è possibile, la presidenza è assunta dall'assemblea stessa.
Fino a quel momento, la presidenza spetta al membro indipendente del consiglio di amministrazione.
9. Delle deliberazioni dell'assemblea viene redatto un verbale da una persona designata dal presidente dell'assemblea, che viene approvato nella stessa o nella successiva assemblea e firmato dal presidente e dal segretario dell'assemblea.
La firma del verbale può avvenire anche in forma elettronica, purché l'identità dei firmatari sia stabilita con certezza.
10. L'assemblea dei titolari di certificati può anche deliberare in altro modo rispetto alla riunione, purché ciò avvenga con la conoscenza del consiglio di amministrazione, tutti i titolari di certificati abbiano la possibilità di esprimere il loro voto e tutti abbiano dichiarato per iscritto di non opporsi a questo modo di prendere decisioni.
Una decisione è considerata adottata non appena la maggioranza richiesta del numero di voti è stata espressa per iscritto a favore della proposta.
11. Di una decisione presa al di fuori dell'assemblea, il consiglio di amministrazione redige un resoconto che, insieme ai documenti previsti al paragrafo 10 di questo articolo, viene allegato agli atti.

Comunicazioni ai titolari di certificati.
Articolo 11.
Tutte le comunicazioni ai titolari di certificati sono fatte per iscritto e sono indirizzate all'indirizzo che i titolari di certificati devono comunicare costantemente alla fondazione.
Ogni titolare di certificato è tenuto a comunicare per iscritto all'associazione l'indirizzo del titolare del certificato e ogni sua modifica.
Tutte le conseguenze della mancata comunicazione o della comunicazione non corretta del proprio indirizzo o delle relative modifiche sono a carico e rischio dell'interessato.
In deroga a quanto previsto nella prima frase di questo articolo, le comunicazioni ai titolari di certificati possono essere effettuate agli indirizzi email comunicati dai rispettivi titolari di certificati alla fondazione.


Regolamenti.
Articolo 12.
1. Il consiglio direttivo è autorizzato a stabilire un(o) regolamento(i), nel quale vengono regolamentati gli argomenti non contemplati nello statuto.
2. Un regolamento non può essere in contrasto con la legge o lo statuto.


Condizioni amministrative.
Articolo 13.
1. La fondazione stabilisce, con atto notarile, le condizioni amministrative.
2. Le condizioni amministrative possono essere modificate in conformità a una decisione del consiglio di amministrazione.
Una decisione del consiglio di amministrazione volta a modificare le condizioni amministrative richiede una maggioranza di almeno due terzi dei voti espressi in una riunione in cui è presente o rappresentata almeno due terzi degli amministratori in carica.
Se in una riunione in cui è all'ordine del giorno una proposta di modifica delle condizioni amministrative non sono presenti o rappresentati almeno tre degli amministratori in carica, viene convocata una seconda riunione, che si terrà non prima di due settimane e non oltre quattro settimane dopo la prima riunione.
In questa seconda riunione, indipendentemente dal numero di amministratori presenti o rappresentati, può essere presa una decisione valida sulla proposta come era all'ordine del giorno nella prima riunione, a condizione che sia adottata con una maggioranza di almeno due terzi dei voti espressi.
Le condizioni amministrative possono contenere disposizioni aggiuntive riguardanti la loro modifica.
3. Le modifiche alle condizioni amministrative entrano in vigore solo dopo essere state annotate in un atto notarile.


Modifica dello statuto
Articolo 14
1. Il consiglio direttivo è autorizzato a modificare lo statuto. La decisione di modifica dello statuto deve essere presa all'unanimità in una riunione in cui tutti i membri del consiglio sono presenti o rappresentati, senza che vi sia una vacanza nel consiglio, ai sensi dell'articolo 6, comma 2.
2. La modifica deve avvenire mediante atto notarile a pena di nullità. Ciascun membro del consiglio è autorizzato individualmente ad autenticare l'atto corrispondente.


Scioglimento e liquidazione
Articolo 15
1. Il consiglio direttivo è autorizzato a sciogliere la fondazione. La decisione di scioglimento deve essere presa all'unanimità in una riunione in cui tutti i membri del consiglio sono presenti o rappresentati, senza che vi sia una vacanza nel consiglio.
2. La fondazione rimane in vigore dopo lo scioglimento nella misura in cui ciò è necessario per la liquidazione del suo patrimonio.
3. In caso di scioglimento della fondazione, la liquidazione è effettuata dal consiglio direttivo. Nel contesto della liquidazione, i diritti patrimoniali sotto forma di certificati saranno trasferiti ai rispettivi detentori dei certificati, rendendo invalidi i certificati emessi.
4. Durante la liquidazione, le disposizioni di questo statuto rimangono in vigore per quanto possibile.
5. Eventuali eccedenze dopo la liquidazione saranno distribuite secondo la decisione dei liquidatori.
6. Dopo la conclusione della liquidazione, i libri e i documenti della fondazione sciolta rimarranno sotto la custodia della persona designata dai liquidatori per un periodo di dieci anni.


Disposizione finale
Articolo 16
In tutti i casi in cui né la legge né questi statuti prevedano, decide il consiglio direttivo.


Articolo 17
Il primo anno fiscale della fondazione termina il trentuno dicembre duemilaventiquattro.
Dichiarazioni finali
1. Infine, la persona comparante, agendo come indicato, ha dichiarato che i seguenti individui sono nominati membri del consiglio:
a. il signor KORNELIS BOONSTRA, nato a Leida il ventiquattro dicembre millenovecentocinquantquattro (24-12-1954), nella funzione di presidente;
b. il signor R. Bode, sopra menzionato, nella funzione di segretario/cassiere;
c. la signora S. Borkent, sopra menzionata, come membro temporaneo del consiglio in rappresentanza dei detentori di certificati.
2. Dopo che almeno ottanta percento (80%) dei certificati da emettere sono stati collocati, il consiglio dovrà convocare un'assemblea dei detentori di certificati, nella quale l'assemblea dei detentori di certificati nominerà un proprio membro del consiglio. Questa persona sarà il successivo membro del consiglio dopo la signora S. Borkent.
3. La fondazione avrà il proprio ufficio per la prima volta presso: 2172 HT Sassenheim, Kagerweide 9.


DI CUI ATTO,
è redatto a Lisse nella data indicata nell'intestazione del presente atto.
La persona comparante mi è nota in quanto notaio. Il contenuto sostanziale dell'atto è stato comunicato e spiegato alla persona comparante. La persona comparante ha dichiarato di non desiderare la lettura integrale dell'atto, di aver ricevuto tempestivamente prima della stipula una bozza dell'atto, di aver preso conoscenza del contenuto dell'atto e di essere stata informata delle conseguenze derivanti dall'atto.

Questo atto è stato letto in forma abbreviata e immediatamente dopo è stato firmato, prima dalla persona comparante e poi da me, notaio.

Iscriviti alla nostra newsletter






Accetto i termini.